English Version
gothique et romantique

Uno sognato senza indirizzo.

Publié le 12 juil 2012

Dove abitati? Lo dicono? Non mi hai mai risposto. Perché ti isolato? Avresti segreti a nasconderlo? Non oso crederlo. La mia immaginazione lo disegna un’abitazione. In un castello, su una collina, vivi per vedere meglio il mondo, intenderlo, il contatto la mattina del primo sguardo aprendo tuo aspetti. Lo so. La mia immaginazione non lo ha mai fuorviato. Me l’hai mai raccontato; ne non ho bisogno. Vedo questa mattina blu che avvolge le pareti del vostro castello. Fa freddo. Rabbrividisci. Il gelo ha coperto la terra. Gli alberi estendono i loro rami tentacolari su un cielo scuro e nuvoloso. Nessuno non verrà a trovarlo ancora e sempre. Non sei che uno sognato senza indirizzo.

le sang de la nuit, la naissance de l'ange, decouvrez le dernier roman de steffan urell

Votre avis sur cet article ?

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Vous pouvez utiliser ces balises et attributs HTML : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>